fbpx

La Scuola dei Mestieri, un’iniziativa di Consorzio Futuro, rappresenta un faro di speranza e formazione per i giovani dell’Umbria. Con l’obiettivo di ampliare l’offerta formativa per l’anno 2024-2025, la scuola ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Eppela per il progetto Generazione Fontivegge. Questo articolo ha lo scopo di spiegare cos’è un crowdfunding, illustrare i dettagli dell’ampliamento dell’offerta formativa e le motivazioni che ci hanno spinto a intraprendere questa iniziativa. Unitevi a noi in questa avventura e aiutateci a costruire un futuro migliore per i nostri giovani!

Cos’è un crowdfunding

Il crowdfunding è una forma di finanziamento collettivo che consente di raccogliere fondi attraverso piccoli contributi da parte di un ampio numero di persone. Questo metodo permette di finanziare progetti innovativi, sociali e culturali senza dover ricorrere a grandi investitori. La nostra campagna di crowdfunding Generazione Fontivegge su Eppela offre a tutti la possibilità di sostenere il progetto “Generazione Fontivegge” con una donazione o condividendo il link della campagna.

Come funziona

Il funzionamento è semplice: chiunque può visitare la nostra pagina su Eppela, scegliere l’importo da donare e contribuire direttamente online. Ogni donazione, piccola o grande, ci avvicina al nostro obiettivo di creare un’offerta formativa più ricca e variegata per i giovani della Scuola dei Mestieri. Inoltre, condividere il link della campagna sui social media e tra amici è un altro modo efficace per supportarci.

Perché organizzare una raccolta fondi per Generazione Fontivegge

Tutto ciò che riguarda i progetti formativi della Scuola dei Mestieri è finanziato dalla Regione Umbria, le attività extra sono state autofinanziate senza mai gravare sulle famiglie. Tuttavia, per garantire la sostenibilità e la replicabilità del progetto negli anni a venire, è necessario un mix di forme di finanziamento. Il crowdfunding per Generazione Fontivegge rappresenta una soluzione ideale per coinvolgere la comunità e creare un legame stabile con altre organizzazioni.

I contenuti dell’ampliamento dell’offerta formativa

Il progetto Generazione Fontivegge ha 3 principali scopi:

  • Inclusività: garantire a tutti i giovani l’accesso a un’educazione di qualità, indipendentemente dalle loro condizioni socio-economiche
  • Innovazione: introdurre nuovi moduli formativi in risposta alle esigenze emergenti del territorio e dei giovani
  • Sostenibilità: assicurare la continuità delle attività educative e formative per le future generazioni

Per farlo, abbiamo individuato queste tre aree tematiche:

  • Potenziamento tecniche professionali:
    • Sei il mio Typo
    • Benessere in armonia
    • Choccolatevi di più
  • Competenze sociali e civiche:
    • Radici Emotive
    • CASCO
    • Agorà
    • Plastic Food
  • Benessere e salute:
    • G.O.L.: Generazione orientata alla libertà
    • Thai Chi dalla classe alla Piazza
    • Scuola dei Mestieri On Stage

Dettagli dei moduli

  1. Sei il mio Typo – Potenziamento tecniche professionali Grafica e comunicazione ipermediale
    Con questo progetto, che potrebbe trasformarsi in un racconto itinerante, vorremmo far toccare con mano agli studenti uno degli elementi fondamentali della grafica, i font. Dallo studio alla creazione di font e la loro applicazione più creativa. Ricerca sul territorio di antiche tipografie che racconteranno tramite un documentario l’evoluzione della tipografia e della sua importanza nell’ambito della grafica.
  2. Benessere in Armonia – Potenziamento tecniche professionali Estetica
    L’obiettivo del progetto è ampliare la visione dell’estetica interpretando il benessere anche come interazione corpo – mente e responsabilizzare le ragazze all’uso consapevole di cosmetici in salvaguardia della natura.
  3. Choccolatevi di + – Potenziamento tecniche professionali acconciatura
    Il progetto ha lo scopo di sviluppare le competenze trasversali degli studenti, come il pensiero critico, la creatività, la comunicazione e il lavoro di squadra, attraverso la realizzazione di prodotti originali e significativi. Si basa su una metodologia attiva e partecipativa, che prevede la definizione di un obiettivo, la ricerca di informazioni e soluzioni, la progettazione e la realizzazione del prodotto finale, la valutazione dei risultati e la condivisione delle esperienze. Nello specifico andremo a definire un tema, che è quello del CIOCCOLATO, in quanto nella nostra realtà di piazza a Fontivegge, abbiamo la fortuna di poter raccontare la storia della nascita della fabbrica del cioccolato proprio
    davanti ai nostri occhi. 
  4. Radici emotive – Educazione affettiva
    Il progettonasce dalla consapevolezza che una sana regolazione e maturazione affettiva può consentire la riappropriazione della propria identità, del proprio corpo, in termini di accettazione di sé, cura e amabilità. Avere una buona percezione e gestione della propria emotività può essere protettivo verso comportamenti potenzialmente pericolosi per se stessi e per gli altri, ma ancor più che può ridurre il rischio di maltrattamenti, abusi o il rischio di contrarre malattie sessualmente trasmissibili, come dimostrato dai più recenti studi di settore della Comunità Scientifica e dai dati riportati dalla Organizzazione Mondiale della Sanità. Il progetto punta a un miglioramento della salute sociale e psicologica dell’individuo per una migliore qualità della vita della comunità in cui le persone sono inserite.
  5. CASCO – Legalità ed educazione stradale
    Il progetto mira a sensibilizzare gli alunni sui pericoli che derivano loro dall’essere utenti della strada, anche passivi (come pedoni e passeggeri di auto). Scopo del progetto è dar loro consapevolezza dei pericoli e capacità di
    riconoscerli per evitarli. In questo modo potranno rendersi conto che chi ci ama non metterebbe a rischio la nostra vita in macchina.
  6. Agorà – Competenze sociali e civiche
    Il progetto ha lo scopo di far comprendere agli alunni il significato della ‘piazza’ dal punto di vista storico e sociale: intesa sia come luogo di nascita della democrazia antica che come luogo di ritrovo e partecipazione alla vita pubblica. Da questo principio, passeremo dalla piazza vera e propria alla ‘piazza virtuale’ per capire come è cambiata la socialità. 
  7. PLASTIC FOOD – Educazione Ambientale
    I rifiuti accompagnano da sempre l’evoluzione dell’umanità. Obiettivo del progetto è comprendere il modo migliore di trattarli per evitare che impattino in maniera negativa sull’ambiente e sulle nostre vite. In questo modo le persone che partecipano possono rendersi conto che nessun rifiuto è mai davvero uno scarto, ogni cosa può essere riciclata e resa nuovamente utile.
  8. G.O.L! – Benessere e salute
    Obiettivo fondamentale del progetto sportivo è diffondere l’approccio inclusivo nell’educare: non solo il calcio come strumento per il raggiungimento di salute e benessere, ambito esemplare per rafforzare metodologia e strategia, ma anche come strumento contro ogni forma di esclusione in continuità con le “regole” della scuola. Che la scuola diventi lo spazio per la libertà di espressione e la possibilità per tutte e tutti di dare davvero il meglio dentro e fuori dal campo.
  9. Thai Chi, dalla classe alla Piazza – Benessere e salute
    Già sperimentato con esiti assolutamente positivi, nella sede della Scuola dei Mestieri di Castiglione del Lago, il progetto è volto alla crescita dei ragazzi dal punto di vista etico, morale e comportamentale nonché alla inclusione e alla conoscenza di principi e valori propri di altre culture. L’intento è quello di accrescere nello studente la consapevolezza di se stesso e di se stesso in relazione agli altri e quindi di riuscire a fare comunione. Questo attraverso l’introduzione del Tai Chi Chuan in classe.
  10. Scuola dei Mestieri on Stage – Benessere e salute
    Obiettivo del progetto è quello di motivare i ragazz* nel fare comunione e nel sentirsi parte di qualcosa di positivo per la società e per la città/quartiere in cui studiano, trasformando l’area in cui si affaccia la scuola, in un “palcoscenico” in cui dare spazio alla Bellezza. Sarà proposta agli studenti lo studio di una coreografia tratta dal musical “West Side Story” in cui si affrontano, ballando, due bande di ragazzi di strada. Il contrasto giocherà proprio su questo, cioè dei ragazzi di una scuola, che si affaccia su un’area piena di problemi “di strada”, saranno gli stessi a portare bellezza nella piazza.

Conclusione

Il progetto “Generazione Fontivegge” è un’opportunità unica per contribuire alla crescita e al futuro dei giovani della Scuola dei Mestieri. La campagna di crowdfunding su Eppela è aperta e raggiungibile a questo link. Se vuoi scoprire di più e conoscere le voci di spesa del progetto, puoi leggere la presentazione completa quiSostieni anche tu la nostra causa con una donazione o condividendo il link della campagna. Ogni piccolo gesto può fare una grande differenza: unisciti a noi e diventa parte di questa generazione che costruisce, innova e crea un futuro migliore!

Contatti

ti aspettiamo

Tutte le mattine dalle 8.30 alle 13.30 (lun-ven)
e il pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30 (lun-mer)
e dalle 14.30 alle 16.30 (giov.)

Tutte le mattine
dalle 8.30 alle 13.30 (lun-ven)
e il pomeriggio
dalle 14.30 alle 17.30 (lun-mer)
e dalle 14.30 alle 16.30 (giov.)

SEDE PERUGIA

Via Fontivegge, 55 - 3° piano
Tel:+39 075 5173143

SEDE DI TERNI

Strada di Cardeto, 61
Tel:+39 0744 220300

SEDE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

via della Stazione, snc
solo Scuola dei Mestieri - dal lunedì al venerdì dalle ore 08:15 alle ore 14:15
Tel:+39 075 5173143

Hai bisogno di informazioni?

Scrivici!

Puoi mandare una mail a ecipaumbria@ecipaumbria.it
oppure compilare il form qui sotto.

14 + 7 =